Young Sherlock Holmes (Piramide di paura)

David Heartley-Reade ne Il re pescatore, è interpretato da Nicholas Rowe. Rowe interpretò anche il giovane Sherlock Holmes nel film "Piramide di paura" (Young Sherlock Holmes appunto nel titolo originale).
Nella stessa stagione di Midsomer Murders, la settima, Stephen Bannerman ne Il Maid in Splendour è interpretato da Alan Cox, già il dr. Watson nella stessa pellicola.
Ovviamente non voglio paragonare il personaggio di Sherlock Holmes con quello di Tom Barnaby, ne tantomeno le loro tecniche investigative, anche se il loro stile classico e il mistero sprigionato dalle loro avventure li accomunano nella mia mente.
Volevo più che altro evidenziare come, per coincidenza o volutamente, i due attori siano tornati a recitare nella stessa serie, in un noir, come lo era Piramide di paura.

Elizabeth, Sherlock Holmes e John Watson
Elizabeth, Sherlock Holmes e John Watson

Piramide di paura un film del 1985 diretto da Barry Levinson.
Scritto da Chris Columbus, narra dei giovani Sherlock Holmes e del suo assistente Dr.Watson che insieme sono impegnati a risolvere un mistero.
Un gruppo di cinque ricchi e affermati uomini inglesi vengono presi di mira da una misteriosa figura, che utilizza una cerbottana per tirare delle spine velenose sul collo delle vittime. Quest'ultime divengono violente e in preda ad allucinazioni spaventose, al punto tale da diventare folli e spingersi al suicidio.
Quando muore il professor Waxflatter, maestro e mentore di Holmes, quest'ultimo ritiene sospetto l'accaduto e lui, la sua fidanzata Elizabeth e Watson (recentemente arrivato nella scuola di Holmes) cominciano a investigare. Indizio dopo indizio, Holmes segue la misteriosa figura sino ad un magazzino di un quartiere malfamato di Londra. Qui rinvengono diversi oggetti egiziani ed un grande piramide. Questa si rivela essere più grande di quanto potesse sembrare, ed anzi essa è effettivamente a grandezza naturale....

Locandina originale del film
Locandina originale del film

Il film comunque contiene un'imprecisione cronologica (suppongo voluta) evidente. Nella realtà è ne "Uno studio in rosso" dove si assiste al primo incontro tra Holmes e John Watson, un ex medico militare appena tornato dalla guerra nelle colonie britanniche. Watson, in cerca di un alloggio a buon prezzo, viene messo in contatto tramite Stamford, un suo giovane assistente, con Sherlock Holmes, il quale è in cerca di un coinquilino con cui dividere le spese di un appartamento. I due si incontrano, e con una stretta di mano ed una semplice occhiata Holmes intuisce il mestiere di Watson, lasciandolo esterrefatto della propria intuizione. I due sono subito in sintonia, e prendono in affitto il famoso appartamento al 221B di Baker Street.

Torna indietro