Introduzione a Midsomer Murders

La mia passione per "L'Ispettore Barnaby" (Midsomer murders è il titolo originale) nasce alcuni anni fa.
Un mercoledì sera, in prima serata, già a letto per riposarmi da una estenuante giornata, accendo la televisione e su "La7", facendo zapping, la mia attenzione si sofferma su alcune scene di un telefilm mai visto prima.
Sembrava una rievocazione di un rituale celtico, se non ricordo male (ero già mezzo addormentato), dove alcune persone erano in piedi su un terrapieno o un tumulo. Una di queste persone si accascia al suolo, uccisa da una freccia... francamente non ho più rivisto questa puntata ma sono sicuro che, a prescindere se la trama fosse davvero quella, è stata quella che mi ha fatto appassionare alla serie.
Un aggiornamento è doveroso: Come mi facevano giustamente notare, la puntata in questione è "Il re pescatore (The Fisher King)". In effetti la memoria mi ingannava poco.

Midsomer Murders

La serie è basata sui romanzi gialli dell'autrice Caroline Graham e si focalizza sul protagonista principale, l'ispettore capo Barnaby, interpretato dall'attore John Nettles.
In Italia la serie è stata trasmessa inizialmente con il titolo di "I misteri di Midsomer", titolo forse più attinente all'originale.
Al momento in cui scrivo non credo siano editi in Italia (tantomeno in italiano) i romanzi gialli di Caroline Graham. Considerando il mio inglese zoppicante non credo che mi cimenterò nel breve periodo a leggerne uno.
Aggiornamento: Dal 2010 sono disponibili in italiano i primi due romanzi di Caroline Graham con protagonisti Barnaby e Troy. Si tratta di "Ragnatele d'inganni" e "Un posto sicuro", pubblicati in Italia da Dalai editore.

Qualche maligno potrebbe dire che "L'Ispettore Barnaby" fa addormentare. A me rilassa. Rilassano gli spazi verdi tipicamente inglesi, le casette di campagna, i cottage e le magioni, rilassa la calma che, nonostante i frequenti omicidi, traspira dalle persone. Mi piace la sensazione di fresco (meteorologico) che molte puntate presentano, mostrando anfratti, ruscelli e sottoboschi.
Mi siedo sul divano, meglio se durante una serata piovosa e d'inverno, mi mangio qualche ciliegia sotto spirito e mi rilasso.
E poi lo humour tipicamente inglese, sobrio e "nero" al punto giusto in un poliziesco, ma che riesce a diventare veramente esilarante, secondo me rappresentato al meglio dalla coppia Barnaby-Troy, quindi nelle prime stagioni della seria (dalla prima alla settima).

Questo sito nasce dal desiderio di condividere con altre persone il mio vivo interesse per la serie, senza la pretesa di diventare un'antologia oppure una enciclopedia esaustiva su Midsomer Murders.
Allo stesso tempo servirà a me stesso per riorganizzare pian piano tutte le puntate, per creare una guida che potrebbe servire ad altri come spunto.
Non sarà un blog (francamente non so bene cosa sia e non mi piace nemmeno il nome) ma spero di poterlo personalizzare e ampliare sempre con soluzioni eleganti e di facile accessibilità.